PIETRA & PIETRA

editoriale del nostro direttore Cristina Visintini

Prima pietra. Doppia l’associazione di idee se si pensa a “prima pietra”. Idee in netto contrasto. La prima pietra di un edificio, simbolo di un inizio. La prima pietra scagliata contro qualcuno, simbolo della fine. Concetti che stanno all’estremità: inizio e felicità, fine e dolore. La pietra potrebbe essere la stessa, ma sicuramente diversa è la mano che la stringe.

Posare la prima pietra significa dare base solide ad un edificio, lanciare la prima pietra contro qualcuno significa distruggere la vita di quella persona. Chi siamo per avere il diritto di posare una prima pietra o per lanciare la prima pietra contro qualcuno? Siamo così puliti, così innocenti, così bianchi da poter pensare di stringere quella pietra? E’ una grande responsabilità. In ogni caso. Essere fautori di un inizio vuol dire credere in quello che si sta facendo, mettere la prima pietra di un edificio, di un progetto, di un’idea è dire ufficialmente “ci credo e in questa cosa metterò tutte le mie forze”. Ma non devono essere solo parole: ci devono essere i fatti perchè su quella pietra si fonderà il futuro e se non sarà una pietra solida e forte, tutto potrebbe crollare. E nel momento in cui tutto crollerà, ci sarà chi vorrà lanciare la prima pietra. Forse anche la stessa persona che aveva posato la pietra, cercando di non assumersi le responsabilità che le competono, e dimostrando di non aver creduto abbastanza in quello che stava facendo.

meri zanolla

 

Quanti esempi, ogni giorno, di pietre posate e lanciate, di responsabilità assunte e poi negate. Di pregiudizi  radicati che sono le prime pietre di strutture traballanti e che favoriscono lanci di prime pietre superficiali e assurdi. Credo che allora l’invito, modificando la nota citazione, debba essere “Chi è senza peccato, NON lanci la prima pietra” perchè  solo da chi è davvero pulito, davvero giovane nell’animo e negli atti, solo chi è aperto ad accogliere le responsabilità della vita saprà che non sono le prime pietre lanciate ad uccidere, ma tutte quelle che seguono la prima. Così come non è la prima pietra posata a fare l’edificio della vita, ma tutte le pietre “secondarie” che, insieme, unite collegate, ne sostengono la struttura.

Author: admin

Share This Post On