MUSICA / PER NON DIMENTICARE

di Ilaria Rovati
(16nne)

Sarajevo, 28 Giugno 1914: l’attentato all’arciduca Francesco Ferdinando e a sua moglie Sofia, in visita alla capitale bosniaca per annetterla all’Impero Asburgico, diventerà il fiammifero che accenderà l’aspro conflitto conosciuto come Grande Guerra, che durerà fino al 1918.

Le testimonianze musicali che sono giunte fino a noi sono poco conosciute, ma non per questo meno interessanti; i soldati sui fronti di battaglia solevano intonare canzoni rispecchianti il dolore per i lutti e la nostalgia per i cari che attendevano il loro ritorno, dipingendo come in un quadro tutti i loro sentimenti e rendendo chiara la situazione di sofferenza che vivevano quotidianamente.

temporeale-guerra-5

Un classico esempio, il più famoso, è “La leggenda del Piave”, composta nel 1918 ed eseguita a partire da quell’anno ogni 4 novembre, data della vittoria sull’Austro-Ungheria.

Ad affiancare i brani più seri non mancavano certamente dei canti atti ad esaltare l’allegria e l’auto-ironia, gli emblemi degli alpini che combattevano sul Carso, e spesso vi erano anche dei riferimenti alla loro passione per il buon vino consumato in compagnia.
Così, mentre oltreoceano imperversavano il ragtime e il jazz, nella piccola realtà europea coinvolta nella Grande Guerra venivano composte queste piccole perle, che pur essendo molto semplici riescono ancora a farci ricordare ciò che solo cent’anni fa ha interessato la nostra zona.
Per non dimenticare.

Author: admin

Share This Post On
01Adserver.com
The domain 01adserver.com may be for sale. Click here to make an offer or call 877-588-1085 to speak with one of our domain experts.