Videoteca

Mustang
Regia di Deniz Gamze Ergüven
(2015)

Tutto comincia con un ultimo giorno di scuola, in un villaggio turco contemporaneo.  Le cinque sorelle protagoniste sono allegre ed eccitate e si sfogano in un gioco innocente di tuffi e battaglie in mare, accompagnate da diversi studenti maschi. La notizia giunge alla famiglia come uno scandalo. Per le ragazze è l’inizio di un dramma, che vede un crescendo di atti di ribellione da una parte, di repressione e reclusione dall’altra. Lo zio e la Nonna (i genitori sono morti) incastrano le sorelle in una serie di matrimoni combinati, ovvero contratti tra famiglie: i sentimenti e i desideri non contano, il matrimonio è valido solo se l’imene è intatto. Lale, la più piccola, vede nelle sorelle e in ciò che debbono subire il suo futuro in anticipo e decide di non volervi sottostare. Il film è stato scelto per rappresentare la Francia ai premi oscar 2016.

Il sale della terra
di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado
Brasile, Italia, Francia 2014.

documentario che ripercorre l’itinerario artistico e umano del fotografo brasiliano.

Taxi Teheran
Regia di Jafar Panahi
(2014)

Donne, uomini, ricchi e poveri, delinquenti e gentiluomini scendono e salgono dal Taxi guidato dell’inesperto autista Panahi (regista del film), raccontando tra risate e emozioni, l’Iran di oggi. Un film coraggioso, dove il rischio non è il parere negativo della critica o l’insuccesso al botteghino, ma il carcere, quello a cui il regista Jafar Panahi è stato già condannato. La pena è stata sospesa, ma gli è stato proibito di dirigere, scrivere e produrre film, viaggiare e rilasciare interviste sia all’estero che all’interno dell’Iran per 20 anni. L’amore di Panahi per il cinema trionfa nel suo coraggio.

la-locandina-di-the-martian

THE Martian
Regia di Ridley Scott
(2015)

L’equipaggio della missione Ares 3 sul suolo di Marte si trova nel bel mezzo di una violenta tempesta. Il botanico Mark Watney viene colpito da un detrito: credendolo morto, il comandante Lewis ordina alla squadra di abortire la missione e tornare sulla Terra. Ma lui è vivo, e cercherà di sopravvivere il più possibile sul Pianeta Rosso, mentre la Nasa ricorrerà a ogni stratagemma pur di salvarlo. Sceneggiatura e regia spingono al minimo sulle note del patriottismo, con un’inattesa svolta narrativa che ridimensiona l’infallibilità a stelle e strisce. Il diario di sopravvivenza di un naufrago stellare che segna il ritorno del regista Ridley Scott. Il futuro non è mai stato più verosimile di così.

Author: admin

Share This Post On

403 Forbidden

Request forbidden by administrative rules.